Il tavolino Sangaku di Driade: un capolavoro di design e funzionalità

Categoria : Illuminazione

Nel mondo del design dei mobili, pochi oggetti possono vantare una bellezza così sorprendente e unicità come il tavolino Sangaku di Driade. Questo eccezionale elemento di arredamento è una vera e propria opera d'arte, che unisce l'estetica giapponese all'eleganza italiana, creando un'esperienza visiva e funzionale straordinaria.

In questo articolo, esploreremo le caratteristiche distintive del tavolino Sangaku, i suoi colori affascinanti e dove posizionarlo per sfruttarne appieno il suo potenziale.

Caratteristiche Sangaku

Il tavolino Sangaku di Driade è una creazione che cattura immediatamente l'attenzione grazie alla sua forma unica e affascinante. Il design si ispira ai "sangaku," tavoli in legno utilizzati in Giappone per esercizi matematici e puzzle geometrici.

Da qui l'idea di inscrivere quattro cerchi diversi, due di raggio 40 cm e due di raggi 20 cm, all'eterno di un cerchio immaginario di 50 cm, creando un nuovo elemento governato da rapporti geometrici. I punti di intersezione tra i vari elementi diventano poi le gambe che sostegno i quattro diversi piani, che riempiono e differenziano lo spazio creando un mix perfetto di pieni e vuoti. Il tavolino Sangaku è quindi composto da quattro piani sovrapposti tra loro, nei diametri di 82 e 42 cm. La costruzione "geometrica" del tavolo si basa su cerchi inscritti tra loro per ottenere una dimensione complessiva di 100x82 cm e un'altezza di 41 cm.

Materiali e colori Sangaku

Le quattro tonalità di colore blu, verde, giallo e nero e le immagini colorate impresse nel vetro, donano a Sangaku un linguaggio contemporaneo e pieno di energia. Tutto questo lo rende adatto a una vasta gamma di ambienti e stili di arredamento.

Il piano è poi in cristallo extrachiaro stratificato, stampato in digitale in grigio sfumato, mentre la struttura circolare di supporto sono dei piani in tubo di acciaio. Anche gli elementi verticali di appoggio sono in acciaio, il tutto è poi verniciato a polvere poliestere nei colori azzurro, verde, giallo, antracite.

Unicità Sangaku

Ciò che rende il tavolino Sangaku davvero straordinario è la sua qualità senza tempo. Non si tratta di un semplice tavolino, ma di un'opera d'arte che trasforma qualsiasi ambiente in cui è collocato. La sua forma geometrica e il design ispirato ai "sangaku" giapponesi lo rendono un pezzo di conversazione irresistibile, suscitando l'interesse e l'ammirazione di chiunque lo incontri.

È un oggetto che non passa mai di moda, ma che continua a brillare nel tempo, evolvendo con il suo ambiente circostante.

Dove posizionare il tavolino Sangaku

Il tavolino Sangaku è così versatile che può essere posizionato in diversi ambienti e sfruttato in molteplici modi. Ecco alcune idee su dove collocarlo per sfruttarne al massimo il suo potenziale:

  • nel soggiorno: il tavolino Sangaku diventa il punto focale del tuo soggiorno, creando un'atmosfera di eleganza e raffinatezza. Potrai posizionarlo al centro della stanza, accanto al divano o all'angolo lettura.
  • nel salotto: se hai un angolo dedicato all'intrattenimento, il tavolino Sangaku può servire come base per il tuo sistema audio o come appoggio per i vostri drink preferiti durante le serate con gli amici.
  • nella camera da letto: questo tavolino può aggiungere un tocco di classe alla tua camera da letto. Posizionalo accanto al letto come comodino o come piano d'appoggio per gli oggetti personali.
  • nel corridoio o ingresso: il tavolino Sangaku può anche essere posizionato nell'ingresso o nel corridoio come elemento di accoglienza, per creare una prima impressione memorabile.
  • in ufficio: se lavori da casa o hai uno spazio ufficio, questo tavolino può servire come supporto per i documenti o come punto di ispirazione per la creatività.

In ogni ambiente, il tavolino Sangaku di Driade aggiunge un tocco di classe e unicità che lo rende irresistibile per chiunque cerchi di elevare il proprio spazio vitale.

Vieni a scoprire Sangaku sul nostri sito Diffusione Luce!

Scritto da Alice Pruccoli

Condividi

group_work Consenso cookie